Il Mercato dei Fiori di Sanremo: chi può accedervi e cosa offre.

Il punto nevralgico per la commercializzazione di fiori e piante in Liguria e non solo

Il Mercato dei Fiori di Sanremo, sito in via Quinto Mansuino 12, è un punto nevralgico per la commercializzazione di fiori e piante grazie sia al “mercato alla araba”, la forma più antica di contrattazione florovivaistica, attiva già da fine ‘800, che si svolge sul “plateatico”, sia al sistema di “asta all’olandese”.

Il “nuovo” Mercato dei Fiori di Sanremo è stato costruito negli anni ’80 nella zona “industriale” di Valle Armea, concepito per migliorare a logistica e riunire in un solo punto il centro delle contrattazioni e le sedi dei commercianti/esportatori, con magazzini di stoccaggio e celle frigorifere.
La superficie totale della struttura è di circa 120.000 mq.

Ma chi può commercializzare sul Mercato dei Fiori? Chi può accedervi e quali sono i requisiti?
In questo articolo esplicativo cercheremo di darvi tutte le risposte necessarie.

Innanzitutto sono ammessi a operare sul mercato:

  • produttori floricoli, consorzi e cooperative di produttori;
  • associazioni di produttori (legge 674/78);
  • commercianti dettaglianti, grossisti, esportatori ed importatori;
  • imprese che provvedono alla lavorazione e trasformazione dei prodotti floricoli;
  • commissionari, gruppi di acquisto, loro consorzi ed associazioni;
  • mandatari speciali con rappresentanza (delegati di grossisti, esportatori e dettaglianti)
  • dipendenti, collaboratori e operatori con attività collaterali al mercato e alla produzione e commercializzazione dei prodotti florovivaistici, ivi compresi i trasportatori per conto terzi, ed i rappresentanti delle organizzazioni di categoria

Questi soggetti devono tesserarsi per poter accedere alla struttura, facendone richiesta all’ente gestore: Amaie Energia.
Il tariffario è disponibile qui: http://www.amaie-energia.it

All’interno del Mercato possono essere commercializzati i prodotti florovivaistici (fiori e fronde recisi, piante in vaso, frutti ornamentali etc…)sia locali che provenienti da altri paesi dell’UE.
Per i prodotti extra UE vige l’obbligo dell’esatta e ben visibile indicazione del paese di origine. La vendita diretta sul plateatico, dove vige un regime di compravendita diretta tra produttore e singoli operatori, è consentita durante tutti i giorni della settimana con esclusione del sabato e della domenica, con possibilità di aperture straordinarie nei periodi di maggior afflusso e richiesta di prodotto, le quali sono comunicate qui http://www.amaie-energia.it