Via libera in Giunta Regionale, su proposta del vice presidente con delega all’Agricoltura e al Marketing Territoriale Alessandro Piana, all’apertura della sottomisura 3.02 del PSR Liguria per la presentazione delle domande di sostegno sulle attività di informazione e promozione svolte da associazioni di produttori nel mercato interno.

«Dal 31 ottobre al 29 dicembre apre il bando da 230 mila euro del PSR.» Spiega il vice presidente Piana «L’obiettivo è quello di sostenere la certificazione dei prodotti agroalimentari liguri di qualità. Il bando è dedicato principalmente a progetti di informazione per il consumatore, per le giovani generazioni e le scuole oltre a piani di promozione mirata che migliorino la competitività dei produttori primari. Particolare evidenza verrà riposta nella diffusione di conoscenze scientifiche, tecniche e nutrizionali dei prodotti certificati».

Sono beneficiari i raggruppamenti di produttori agricoli della Liguria che includono agricoltori in attività, partecipanti ad un sistema di qualità.

Verranno ammesse le spese di personale, di trasferta, prestazioni di servizio, materiali di consumo e dotazioni, informazioni e pubblicità su prodotti o tramite eventi, spese assicurative. La spesa massima ammissibile per ciascun progetto è pari a 100mila euro, innalzabili a 150mila euro per progetti di carattere internazionale. I contributi, a fondo perduto, sono sempre pari al 70% del costo ammissibile.

Tutte le informazioni saranno disponibili sul sito https://www.agriligurianet.it

iscriviti alla newsletter

Per ricevere periodicamente gli aggiornamenti importanti da Flornews Liguria

Con l'iscrizione alla newsletter si accetta che il proprio indirizzo email venga automaticamente inserito in una lista di contatti a cui potranno essere trasmessi messaggi email relativi a Flornews Liguria, al Distretto Florovivaistico della Liguria e al mondo della floricoltura. L'ente regionale che utilizzerà i dati raccolti è esclusivamente il Distretto Florovivaistico della Liguria (proprietario di Flornews Liguria). I dati non verranno trasmessi o condivisi con terzi.